“Io sono un “Pittore-Pittore”, non “anche” Pittore” cit. Piero Giovecchi

  • 0001_0032 copia

  • 0001_0090 copia

  • 0001_0080 copia

  • 0001_0012 copia

  • 0001_0165 copia


Piero Giovecchi è il pittore veneziano che ritrae dal vivo gli effetti paesaggistici più palpitanti d’arte e di storia, fissandoli,  con incomparabile armonia di colori, sulla tela.

Le interpretazioni su Venezia, accompagnano la vibrante personalità dell’artista, ovunque egli si attardi a ritrarre i luoghi più ameni della terra veneta.

Lo abbiamo notato in Treviso: sulle sponde del Cagnan, alla vetusta ruota del molino, oppure sulle rive del Sile, o agli angoli più suggestivi della vecchia città, a dipingere, con il tratto sicuro della mano maestra, i caratteristici palazzi dalle armoniose trifore e dai barbacani di incomparabile suggestione.

La spiccata personalità dell’artista si estrinseca nell’opera dalla quale emerge la profonda spiritualità del pittore Giovecchi.

Guarda la galleria dei suoi quadri

 

In occasione del centenario dalla nascita di Piero Giovecchi (Fratta Polesine 1913 – Mogliano Veneto 1989) la città di Mogliano Veneto organizza una mostra con le migliori opere del pittore.

SGUARDI DI GIOVECCHI SUL VENETO

Dal 21 dicembre 2013 all’6 gennaio 2014 presso l’atrio del municipio della città di Mogliano Veneto dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00, martedì e giovedì dalle 15.00 alle 17.30. Ingresso gratuito.


Contattateci per ulteriori informazioni.

 

“Piero Giovecchi, un veneziano che la nostra incantevole Venezia riproduce con una pittura tutta sua (è dir molto, di questi tempi!), lungi dalle dolciastre maniere di tanti…”
G. Cucchetti, Osservatore Romano
“La città lagunare, nei suoi aspetti meno noti, è espressa essenzialmente per luce e colori, resi senza manierismo alcuno, ma con sicura mano veloce e solida, sostanziosa tavolozza, decandata e castigata …”
B. Bondi, Il Resto del Carlino
“La Venezia che giovecchi vede con gli occhi dei veneziani è la Venezia di oggi, con i suoi riti, le sue pietre stillanti umidità, la sua tristezza un po’ decadente eppur così suggestiva e commovente “
G. Sanna, Corriere degli artisti

 

 

Music